Iscriviti alla newsletter

Dolore cronico

Sono affetto da dolore cronico?

A tutti capita di provare dolore, quando ti tagli o ti stiri un muscolo. Il dolore è il mezzo tramite il quale il tuo corpo ti avvisa che sta succedendo qualcosa di sbagliato.
Una volta che la ferita è guarita, il dolore solitamente scompare.

Il dolore cronico è differente, esso continua per settimane, mesi o anni dopo l'infortunio. Per definizione, un dolore cronico è un dolore che persiste almeno per 3-6 mesi.

Il dolore cronico può avere reali effetti sia sulla vita di tutti i giorni andando anche a influenzare la salute mentale.


Cosa porta a provare dolore cronico?

La sensazione di dolore proviene da una serie di messaggi che attraversano il sistema nervoso. Quando ti fai male, l'infortunio attiva i sensori di quella zona. Questi sensori inviano un messaggio sotto forma di segnale elettrico che attraversa i nervi fino a giungere al cervello.
Il cervello processa i segnali e invia il messaggio che sei ferito.

Solitamente il segnale si ferma nel momento in cui l'infortunio si è risolto e il tuo corpo ha riparato la ferita o lo strappo. Nel caso del dolore cronico, invece, i nervi continuano a inviare il segnale di dolore anche dopo che la causa si è risolta.

Quali condizioni causano il dolore cronico?

A volte i dolore cronico si origina senza un evidente causa, ma per molte persone inizia dopo un infortunio o un problema di salute.

Le cause principali includono:

  • Lesioni passate o interventi chirurgici
  • Problemi alla schiena
  • Emicrania 
  • Artrite
  • Danni ai nervi
  • Infezioni
  • Fibromialgia, una condizione in cui il paziente sente dolore muscolare in tutto il corpo

 

Sintomi

Il dolore cronico può variare da lieve a grave, può continuare giorno dopo giorno o andare e venire. Il dolore può essere percepito come:

  • Un dolore sordo
  • Pulsazione
  • Bruciore
  • Sensazione di tiramento
  • Pungente
  • Indolenzimento
  • Rigidezza

A volte il dolore è solo uno dei tanti sintomi, che possono anche includere:

  • Stanchezza
  • Mancanza di appetito
  • Problemi del sonno
  • Debolezza
  • Mancanza di energia


Dolore cronico e salute mentale

Il dolore cronico può interferire nella tua quotidianità impedendoti di fare le cose che vorresti, questo può portare ad un calo di autostima, a stati d'ansia, a farti sentire arrabbiato, depresso o frustrato.

Il legame tra le emozioni e il dolore può inoltre creare un ciclo. Quando provi dolore, hai più probabilità di sentirti depresso e questo può rendere il tuo dolore ancora più forte. Il legame tra depressione e dolore è il motivo per cui i medici spesso usano antidepressivi come trattamento per il dolore cronico. Questi farmaci possono aiutare sia a ridurre il dolore che a migliorare i problemi psicologici che provoca.
Il dolore può anche avere influenze negative sulla qualità del sonno e sui livelli di stress, tutti questi cambiamenti possono portare a incrementi sull'intensità del dolore.


Chi ti può aiutare se provi dolore cronico?
Se il dolore non sembra migliorare consulta il tuo medico o uno specialista.
Può risultare utile ricorrere alla medicina, a terapie di rilassamento, alla fisioterapia; il miglioramento dello stile di vita (es. smettere di fumare) può portare benefici, anche terapie come l'agopuntura potrebbero dare sollievo dal dolore.